la Ruta e l’ Archetipo del “guerriero”

la Ruta e l' Archetipo del "guerriero" Logosolar Alchemy remedies

Parliamo di una pianta non tanto conosciuta ma molto importante per la nostra salute fisica ed energetica.

La Ruta graveolens – il “guerriero senza paura”

Sia le foglie sia i semi venivano spesso usati in cucina dai romani e nel Medioevo.

Ha un sapore penetrante e amaro, ma in piccole quantità e tritata costituisce un aroma insolito con pesce, uova, insalate e preparazioni alla panna. Le foglie vengono impiegate anche nelle preparazione di un aceto e olio particolari.

Della ruta si utilizzano le parti terminali della pianta più tenere e le foglie raccolte da maggio ad agosto. Si possono utilizzare anche essicate.

Il suo più famoso uso è quello in infusione nella grappa.

Proprietà terapeutiche

La ruta è una pianta officinale le cui caratteristiche erano conosciute già dall’antichità.
Essa è costituita da: tannini, acidi organici, resine, olio essenziale.

Contiene inoltre furocumarine e rutarine, alcaloidi presenti nell’olio essenziale che la fanno classificare come pianta tossica.

La pianta di Ruta è una delle piante note nell’erbario con proprietà antiemorragiche, stimolanti, digestive, antispasmodiche intestinali.

Il rimedio omeopatico ottenuto dalla Ruta è indicato in caso di occhi affaticati, mal di testa, dolori continui e acuti, crampi, tosse, mal di schiena, gomito del tennista, esostosi del carpo, depressione, ansia e dopo interventi chirurgici, contro le contusioni delle ossa e lesioni ai tendini provocate da traumi sportivi. E’ di aiuto anche in caso di stati d’ansia e depressione in seguito a un periodo di stanchezza psichica.

La polpa e il succo della pianta possono risultare fortemente irritanti se applicati sulla pelle; la polpa si usava un tempo, a rischio di forti infiammazioni, per eliminare i porri.

Fin dai tempi della Grecia antica la Ruta graveolens è stata utilizzata come fitoterapico: per rinforzare la vista, come abortivo e per stimolare le mestruazioni. Si narra che Leonardo la utilizzasse per gli occhi, attribuendo alla pianta le sue capacità visive.

Veniva considerata l’erba in grado di scacciare la paura ma anche il contagio dalla peste.

Un tempo si credeva che piantare la ruta agli angoli dei giardini tenesse lontani topi, serpenti ed energie negative (streghe e gli spiriti maligni).
Anche in ambiente domestico è efficace tenere qualche ramoscello di Ruta fresca negli ambienti infestati dai topi che non ne sopportano l’odore.
Cani e gatti odiano l’odore di ruta. Le foglie essiccate e schiacciate possono avere un effetto  insetto-repellente.

L’erba della ruta era ritenuta l’erba contro la paura: si metteva in tasca, appunto, quando si dovevano affrontare situazioni di paura e le case in cui cresceva erano ritenute privilegiate.

E’ una pianta che incarna in sé l’archetipo del guerriero, che senza paura si scaglia dentro la battaglia per lottare e vincere.

Noi utilizziamo la Ruta per le sue proprietà vibrazionali di protezione e pulizia del campo aurico ed energetico in particolare contro le forme miasmatiche (parassiti energetici). I suoi fiori, entrano anche nella formulazione del rescue alchemico 9 GUERRIERIcome fiore dell’elemento Fuoco, legato quindi al coraggio, alla volontà e alla determinazione di fronte ai timori e alle paure.

Presente nei nostri rimedi:

9 GUERRIERI | SPRAY FLOWER SHIELD | IMMUNOCEL |

 

Condividi